Dal “I have a dream” di Martin Luther King, “all’orrore” di Apocalypse Now

Sta a noi scegliere tra il sogno di Martin Luther King e l’incubo del colonnello Kurtz.

Bradley_Manning_US_Army

Martin Luther King “I have a dream”

L’orrore, l’orrore… Apocalypse Now Monologo

Questa canzone fu scritta di getto da Neil Young dopo la morte di quattro studenti, uccisi dalla guardia nazionale durante una manifestazione pacifista alla Kent University il 4 Maggio 1970. Fu pubblicata appena 10 giorni dopo la strage.

Notizie relative alla strage della Kent State University.

Dove sono i giovani d’oggi? Ma dov’è finita l’opinione pubblica in generale? La gente è resa completamente insensibile a tutto dalla psicologia, dai psicofarmaci e dalle armi di distrazione di massa che incitano costantemente all’egoismo e al menefreghismo, sono tutti completamente rimbambiti mentre la barbarie regna sovrana!

Crosby, Stills, Nash & Young – “Ohio” (1970) Kent State University Shooting

OHIO
Nixon sta arrivando con i (suoi) soldatini di piombo e noi finalmente siamo (uniti) da questa parte.
In questa estate sento il rullo dei tamburi, quattro morti nell’Ohio.

Dobbiamo rendercene conto, i soldati ci stanno prendendo a fucilate,
“dovevano farlo già molto tempo fa”

Cosa diresti se tu la conoscessi e la trovassi morta per terra, come puoi scappare quando lo sai?

Dobbiamo rendercene conto, i soldati ci stanno prendendo a fucilate,
“dovevano farlo già molto tempo fa”

Cosa diresti se tu la conoscessi e la trovassi morta per terra, come puoi scappare quando lo sai?

Nixon sta arrivando con i (suoi) soldatini di piombo e noi finalmente siamo (uniti) da questa parte.
In questa estate sento il rullo dei tamburi, quattro morti nell’Ohio.

Quando gli eroi vengono condannati, la moralità non ha più cittadinanza nel mondo, e l’estinzione di massa dell’antropocene diviene inevitabile.

Avevo già scritto sul fatto che il funzionalismo darvinista, ha come inevitabile conseguenza il relativismo morale che trova attuazione nel moralismo dei poteri corrotti. Avevo proposto l’esempio del bombardamento di Fallujah, dove le stesse tipologie di soggetti umani definibili come popolazione civile, asseconda delle circostanze, assumono o perdono il valore di vite umane: quelli che si trovavano nelle torri gemelle a New York e negli aerei dirottati, assumevano il valore di vittime civili e quindi vite umane da difendere dal terrorismo, giustificando quindi l’intervento militare in Iraq, ovvero quella stessa guerra che porterà invece a considerare la popolazione civile di Falluja, non come vite umane alle quali si possa attribuire un valore da difendere, ma come semplici effetti collaterali, in una logica di funzionalità bellica, in cui si ritiene più conveniente salvaguardare la vita dei soldati americani, declassando quindi il valore delle vite umane dei civili iracheni al valore di effetti collaterali.

( IRAQ Fallujah Armi chimiche e ad Energia diretta testate sui civili.

IRAQ Fallujah Armi chimiche e ad Energia diretta testate sui civili 2 2

Questa vicenda ci da la misura esatta di quali siano le conseguenze di quel relativismo morale, dove la distinzione tra il bene e il male, si riduce alla sola distinzione tra ciò che funziona oppure no, o ciò che funziona meglio o peggio, ovviamente in quest’ordine di idee potrà essere soltanto la criminalità dei poteri corrotti a stabilire cosa è bene e cosa è male, e lo farà esclusivamente in base alla sua convenienza, non esiste alcuna possibilità che possano prevalere delle logiche differenti da quelle dei poteri corrotti per stabilire i punti di riferimento morali, se la morale dipende esclusivamente dalla funzionalità. Non so se riesco a rendere l’idea dell’enormità di questo problema, perché questo implica che non avremo mai un punto di vista realmente morale su tutte quelle questioni che l’umanità si trova a dover fronteggiare oramai con urgenza. Non avremo mai la possibilità di individuare il cosiddetto bene comune, ma sarà la stessa sopravvivenza umana a passare in secondo piano rispetto alle convenienze dei poteri corrotti, non ci saranno mai delle vere iniziative per garantire la vita delle generazioni future, quale convenienza potrebbe avere il sacrificio di chi vive adesso a vantaggio di chi dovrà vivere tra cinquant’anni? Funzionerà meglio il fregarsene! Gli epicurei avranno sempre la meglio sugli stoici nell’ottica di ciò che funziona meglio nel presente! E questo vuol dire che siamo condannati all’estinzione di massa.

Manning condannato a 35 anni.

Una conferma a questa tesi arriva dalla condanna a 35 anni di reclusione per Bradley Manning. Questo ragazzo andrebbe considerato un eroe difensore di quegli stessi valori della democrazia e della civiltà, per i quali si è voluta giustificare la guerra in Iraq. Questo soldato, ha dichiarato che a motivarlo nel divulgare i segreti militari e diplomatici, è stato un particolare video documento, dove un elicottero da combattimento spara senza alcun motivo su dei civili disarmati e che non mostrano alcun atteggiamento ostile; una macchina fotografica con teleobiettivo e un cavalletto vengono scambiati per armi e viene fatta una strage. Nel video si vede benissimo che non si tratta di miliziani armati e ostili, tant’è che pur avendo un elicottero da combattimento che vola sopra le loro teste, queste persone se ne stanno tranquillamente a camminare in mezzo alla strada, e qui vediamo come all’efficienza operativa dei militari sull’elicottero, corrisponde la loro infinita stupidità, circostanza da tener presente ogni qualvolta si attribuisce alla competenza e all’efficienza un valore meritocratico. Il colmo di questa stupidità unita all’efficienza operativa, la vedremo nel momento in cui gli stessi militari spareranno su un furgone che viene a soccorrere un ferito, colpendo anche dei bambini che si trovano al suo interno, l’imbecillità di questi militari statunitensi, è sottolineata anche da commenti ironici e risatine del tutto fuori luogo nella drammaticità della vicenda, a conferma del fatto che il valore della vita umana per questi criminali, è soltanto un fatto di convenienze che cambiano asseconda delle circostanze, la certezza dell’impunità, in questo caso fa sparire qualsiasi necessità di attribuire un valore alla vita umana, e rende la violenza un gioco sadicamente divertente.

WikiLeaks Italia – Collateral Murder, sottotitoli in italiano.

Invece, per la bravata di questi coglioni, la stessa giustizia militare statunitense non condannerà nessuno.

La tragedia del Cermis- 03.02.98- (siamo stati noi)

Perché invece viene condannato Bradley Manning? Egli non ha agito per interesse personale, non ha venduto i segreti del suo paese a una nazione nemica, ma li ha resi pubblici per non tradire i valori in cui crede. Bradley Manning ha agito con l’autentico eroismo di un soldato, sacrificandosi per il bene comune, e per questo è stato condannato. Il segreto militare si potrebbe giustificare soltanto rispetto a delle attività finalizzate a difendere determinati valori tra cui il valore della vita umana, ma dov’è il valore della vita umana nella guerra in Iraq? Qual’è il valore di segreti che nascondono delle infamie? Ma soprattuto, dov’è l’indignazione dell’opinione pubblica a livello di massa su queste vicende? A livello di massa non se ne vede traccia! Anche questo ci da la certezza che l’estinzione dell’umanità è ormai inevitabile, perché senza una consapevolezza di massa sui valori che consentirebbero la distinzione tra il bene dal male, non sarà mai possibile invertire la rotta che ci sta conducendo alla catastrofe della sesta estinzione di massa dell’antropocene. L’ipocrisia moralista dei ben pensanti servi dei poteri corrotti non ce la possiamo più permettere, l’orrore non si cancella con la censura, la memoria rimane, e continua ad agire nella nostra realtà in modi che noi neanche immaginiamo!

Dedichiamo una canzone a Bradley Manning, un eroe del nostro tempo senza futuro, un uomo che non ha voluto rinunciare alla sua umanità, che non ha voluto adeguarsi all’ipocrisia dei benpensanti, che non ha voluto unirsi agli indifferenti, un eroe che verrà dimenticato, al quale nessun monumento verrà dedicato per essere ricordato, perché un umanità che non ha futuro non ha neanche una storia da ricordare, e la falsa storia che si continua a raccontare, serve soltanto per negare, dimenticare e ignorare.

DAVID BOWIE – HEROES 

E tu, tu puoi essere mediocre
E io, io berrò tutto il tempo
Perché siamo amanti, e questo è un fatto
Si siamo amanti, è proprio così
Sebbene niente ci terrà uniti
Potremmo rubare un po’ di tempo, per un solo giorno
Possiamo essere Eroi, per sempre
Che ne dici?
Io, io vorrei che tu sapessi nuotare
Come i delfini, come i delfini nuotano
Sebbene nulla, nulla ci terrà uniti
Possiamo batterli, ancora e per sempre
Oh possiamo essere Eroi, anche solo per un giorno
Io, io sarò re
E tu, tu sarai la regina
Sebbene niente li porterà via
Possiamo essere Eroi, solo per un giorno
Possiamo essere noi, solo per un giorno
Io, io posso ricordare (mi ricordo)
In piedi accanto al Muro (accanto al Muro)
E i fucili spararono sopra le nostre teste
(sopra le nostre teste)
E ci baciammo, come se niente potesse accadere
(niente potesse accadere)
E la vergogna era dall’altra parte
Oh possiamo batterli, ancora e per sempre
Allora potremmo essere Eroi, anche solo per un giorno
Possiamo essere Eroi
Possiamo essere Eroi
Possiamo essere Eroi
Solo per un giorno
Possiamo essere Eroi
Siamo un nulla, e nulla ci aiuterà
Forse stiamo mentendo, allora è meglio che tu non rimanga
Ma potremmo essere più al sicuro, solo per un giorno
Oh-oh-oh-ohh, oh-oh-oh-ohh, anche solo per un giorno

Se non sopraggiungeranno fatti nuovi, il destino dell’umanità rimarrà segnato. La sesta estinzione dell’antropocene che porterà all’estinzione la nostra specie, non avverrà per cause naturali, e neanche per cause materiali o fisiche, le cause saranno interamente di ordine mentale e morale, detto in poche parole, sarà la nostra incapacità di comprendere il valore della pace a portarci all’estinzione.

Lo scenario prevedibile sarà il seguente: il crescere del costo dell’energia porterà all’aumento di tutte le risorse di prima necessità, come: cibo, acqua, riparo, salute ecc.. la carenza di beni essenziali provocherà dei conflitti per l’accaparramento di queste risorse. Le democrazie spariranno dalla faccia della terra, perché risulteranno non competitive con i sistemi totalitari dove il contenimento dei costi di produzione saranno garantiti dalla mancanza dei diritti civili e dei lavoratori. Con la democrazia verra a mancare anche la libertà d’informazione, opinione e libera espressione del pensiero, questo vorrà dire che nessuno saprà più nulla di quello che succede nel mondo, conoscerà soltanto l’informazione dei poteri corrotti, e si formerà un opinione pubblica sulla base delle menzogne che verranno divulgate dai mass media, quindi ad esempio, nessuno sentirà più parlare di questioni ambientali, di riscaldamento globale, o della possibilità di diversi sistemi di produzione compatibili con l’ambiente, l’unico imperativo nelle scelte economiche sarà il profitto privato dei poteri corrotti.

Il Protocollo di Kioto verrà completamente messo da parte e non se ne parlerà più, e non si permetterà a nessuno di parlarne, perché l’osservanza delle norme per contenere i gas serra, farebbero perdere competitività ai paesi e alle multinazionali che ormai saranno divenute la stessa identica cosa. Qualsiasi forma di ragione o buon senso verranno sacrificate alle esigenze competitive di una minoranza di ricchi, che si dedicheranno esclusivamente al mantenimento e all’accrescimento della propria condizione privilegiata. Il costo crescente dell’energia verrà affrontato esclusivamente in termini di profitto a breve termine, si ricomincerà a bruciare carbone, ma non in costose centrali a bassa emissione di CO2, sempre in nome della competizione si andrà al risparmio su tutte le questioni che non garantirebbero alcun profitto privato a breve, quindi avremo anche centrali nucleari che risparmieranno sulla sicurezza. Non ci sarà nessuna opinione pubblica a protestare, perché i mezzi d’informazione saranno sotto stretto controllo dei poteri corrotti asserviti agli interessi privati. Anche internet diventerà uno strumento nelle mani del potere plutocratico dittatoriale, che lo userà per fini di controllo e repressione del dissenso, bisognerà stare attenti a quel che si scriverà su internet, perché si potrà essere arrestati torturati e fatti sparire, come già avviene nelle attuali dittature. Lo strumento di internet, come promotore di coscienza civile, dipende interamente dalla presenza di un sistema di regole e garanzie democratiche, senza delle quali, da strumento di libera espressione del pensiero, internet può divenire efficacissimo strumento di oppressione della libertà d’opinione, basti come esempio ciò che accade nel blog di Beppe Grillo, dove chi la pensa diversamente viene verbalmente linciato dalla folla impazzita e inferocita.

Ovviamente la natura non terrà in nessun conto le esigenze dei poteri corrotti e continuerà ad operare in base alle sue leggi, quindi il riscaldamento globale andrà avanti. Un primo effetto potrebbe essere lo scioglimento del permafrost che aumentando l’emissione di gas serra andrà ad accelerare il riscaldamento globale. La conseguenza più temibile del riscaldamento globale è il riscaldamento degli oceani che potrebbe portare all’arresto delle correnti oceaniche che consentono lo scambio tra le acque fredde di profondità con quelle calde di superficie, questo comprometterebbe gli equilibri vitali dell’ecosistema marino riducendo drasticamente la produzione di ossigeno che rende l’atmosfera respirabile per le specie viventi sulla terra. Nel frattempo, avremo delle società umane dominate dalle dittature in guerra tra loro per l’accaparramento delle risorse vitali, senza più delle associazioni di nazioni democratiche capaci di tenere sotto controllo la produzione e l’uso di armi di distruzione di massa, queste potranno e saranno prodotte in gran quantità, e il possesso di armi nucleari sarà fondamentale per rimanere competitivi sul mercato globale, la mancanza di regole internazionali porterà alla corsa agli armamenti che presto verranno usati in una miriade di conflitti locali la cui somma ci darà l’equivalente di un conflitto mondiale. Dalla scienza non possiamo aspettarci nulla di buono, la ricerca ha bisogno di finanziamenti, e i poteri corrotti finanzieranno soltanto quelle ricerche che garantiranno il loro interessi privati, ignorando sistematicamente tutte quelle ricerche finalizzate al bene comune. In oltre, bisogna tener presente che in una situazione di perenne conflitto, certe scoperte scientifiche non ce le potremmo mai permettere; mettiamo che si scopra una nuova fonte di energia, com’è già accaduto con il nucleare, dove le applicazioni possono essere sia pacifiche che belliche, ma che a differenza del nucleare questa nuova scoperta consenta, oltre che a produrre energia pulita a basso costo, anche di costruire ordigni di potenza devastante, ma in modo semplice, dove basterebbe un modesto laboratorio per assemblarli, quindi realizzabili da chiunque in qualsiasi luogo: ci potremmo permettere una simile scoperta? Ovviamente no, quindi un ulteriore evoluzione scientifica e tecnologica potrebbe avere conseguenze catastrofiche a causa della nostra incapacità di vivere in pace, ed è molto probabile che non ce la possiamo permettere, e forse già da tempo qualcuno si è impegnato a non permetterla. Vi sembrano del tutto fantascientifici questi scenari apocalittici? Non vi pare che siano una semplice proiezione di eventi già in atto?

Cinquant’anni di petrolio ci rimangono da bruciare, ma la crisi della nostra civiltà dell’abbondanza è già cominciata, senza un radicale cambiamento nell’ordine dei valori e della mentalità, questo è quello che ci aspetta tra pochi anni. È finita, se non saremo capaci di evolvere culturalmente non ci sarà nessun futuro, per nessuno. Sarà la sesta grande estinzione di massa dell’antropocene.

Baraka – Dead Can Dance – The Host Of Seraphim

Dead Can Dance – Cantara

Non si vede il ben che minimo ripensamento, l’evoluzione della cultura di massa va verso un atteggiamento sempre più arrogante e violento. Il modello che si ritiene vincente è quello cinese, una cultura retrograda, conformista e nazionalista, si tratta di un sistema basato su mafia e corruzione che non reggerà al peso della sua ingiustizia, e dove l’efficienza produttiva coincide con l’assoluta imbecillità di un vuoto meccanismo di produzione e consumo. La cina rappresenta il perfetto esempio della degenerazione del sistema capitalista. A nessuno venga in mente che una speranza risieda nei nuovi mezzi di comunicazione come internet, l’esempio del catastrofico fallimento del movimento cinque stelle, dimostra che nessun cambiamento può veramente partire dal basso. In realtà internet può dar voce soltanto a coloro che già ce l’hanno. Sono soltanto le persone famose che vengono ascoltate su internet, mentre tutti gli altri, o parlano da soli o in gruppi isolati che possono essere facilmente neutralizzati. Quello che la persona qualunque può liberamente dire su internet, prima ancora d’essere un pensiero giusto o sbagliato, è inutile, perché da nessuno viene ascoltato, mentre le persone famose, sono famose in quanto rappresentanti e portavoce dei poteri corrotti, e non diranno mai nulla di veramente rivoluzionario, altrimenti verrebbero immediatamente emarginati.

Il destino non è personale, la propria condizione non dipende da noi. Se nella società in cui nasciamo non c’è posto per tutti, gli esclusi non potranno far nulla per farsi accettare, non gli servirà a nulla neanche cambiare. La vita, strano a dirsi, non è una questione personale, quella che definiamo come la nostra vita, altro non è che un punto di vista parziale sulla vita globale. Chi nasce svantaggiato non avrebbe alcun motivo per servire le classi privilegiate, basterebbe capire questo per cambiare il mondo e quindi se stessi. Chi vince a discapito dei perdenti non vince un accidenti. Non c’entra nulla l’invidia sociale, nessuno vive una condizione che si possa invidiare, poiché questo è un mondo di perdenti, non c’è proprio nulla di che essere contenti. Nessuno è in grado di prospettare un futuro credibile, e anche vivendo il presente, sarà proprio nel presente che il futuro arriverà puntualmente. I modi di dire e di fare dei benpensanti sono sempre più ignoranti, indifferenti e pesanti, e dai benpensanti che fanno finta di niente siamo circondati fino ad esserne soffocati.

Frankie HI-NRG MC – Quelli Che Benpensano 

L’orrore, l’orrore… Apocalypse Now Monologo

Apocalypse Now – Scena finale: morte di Kurtz – “L’orrore” 

Gabrielemanfrè su face book

Argomenti correlati in questo blog:

Diritto di correzione del voto.

Alive! Salomè danza per me! Il lavorio dell’autodistruzione umana.

Vilipendio alla religione degli psicologi.

Lo scavo dello schiavo quadro.

L’inversione morale, l’eversione morale, l’evoluzione immorale e la rivoluzione morale.

“Masters of war” di Bob Dylan, testo tradotto

Argomenti correlati trovati sul web:

Le grandi estinzioni di massa

L’UOMO E LA SESTA ESTINZIONE DI MASSA

Prima che si estingua la vita negli oceani dovremmo…

Come affrontare la sesta estinzione di massa

Lo scioglimento del permafrost

Cambiamenti climatici, il permafrost dell’Antartide si scioglie più rapidamente del previsto 

Lo scioglimento del permafrost riscalderà la Terra

Nuove scimmie nell’estinzione dell’antropocene

Appendice tragicomica

POLIZIA: ALFANO, PANSA SCELTA MIGLIORE E PIU' QUALIFICATA

Angelino lodo Alfano, propone di chiedere i soldi per mantenere i detenuti stranieri nelle prigioni italiane, ai loro paesi di origine, e per quanto si stenti a crederlo, questo non è uno scherzo! Mandiamo Angelino lodo Alfano, a farsi un giro nei paesi d’origine degli immigrati che si trovano nelle prigioni italiane, cioè quei paesi da dove questa gente è scappata, mandiamolo a chiedere i soldi del loro mantenimento, ai dittatori, ai governi corrotti, ai mafiosi e ai signori della guerra. Dopo che si sarà fatto un giro in questi floridi e civili paesi, magari, il frastuono delle pernacchie che riceverà in risposta, lo riporterà in contatto con la realtà del mondo in cui vive. Però, bisogna ammettere che questi politici hanno tanta fantasia nell’elaborare le loro proposte, sono dei gran sognatori!

http://www.unionesarda.it/articoli/articolo/326357

Questa voce è stata pubblicata in Musica, Riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dal “I have a dream” di Martin Luther King, “all’orrore” di Apocalypse Now

  1. Pingback: Verità supposte in supposte. | Cimitero del conosciuto.

  2. Pingback: L’ottimismo infondato, è la facile conquista dei negazionisti superficiali | Cimitero del conosciuto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...