J. Krishnamurti sul conflitto ( 3 )

Ojai, 13 aprile 1975

 

Il problema è: quale azione non è basata sempre sulla memoria? Perché l’azione basata sulla memoria porta inevitabilmente alla de­generazione. Questo è il nostro problema: la mente umana sta degenerando, e uno dei fattori di questa degenerazione è il conflitto, la paura, l’incessante ricerca del piacere, tutto fondato su un movimen­to del pensiero, ovvero un processo materiale. C’è un’azione che non sia degenerata? C’è un’azione che sia percezione e azione? Davvero percepire e agire senza intervallo di tempo. Mettiamola in un altro modo. La vita è rapporto. Senza rapporto non c’è vita, non c’è esistenza. Ma nei nostri rapporti c’è una grande quantità di ricordi accumulati; tra due persone ci sono ferite, irrita­zioni, piaceri, screzi, predominio, e così via. Sapete tutti che cosa av­viene in un rapporto. Tutto ciò viene immagazzinato nella memoria sotto forma di immagine. Voi avete un’immagine di lei, e lei ha un’immagine di voi. E queste due immagini dicono: “Noi siamo in rapporto, ci amiamo a vicenda”. Guardate che cosa avviene: l’amore è ridotto alle immagini che create reciprocamente. Queste immagini sono ricordi, e così chiamate amore il ricordo di cose passate. È  un fatto, è ciò che accade nella vita di tutti i giorni. È  possibile vivere senza queste immagini? Perché solo allora c’è amore. Nel rapporto in cui non c’è immagine, c’è un’azione che attimo per attimo è sem­pre nuova. Siete collegati a qualcuno intimamente, a vostra moglie, la vostra ragazza, il vostro ragazzo, o chiunque sia. Vivendo assieme per un giorno, o per quindici o trent’anni, avete creato, costruito un’imma­gine dell’altro. Questo è un fatto. Potete osservarlo nella vostra vita.  L’accumulo di episodi vari, offese, fastidi, impazienza, ira, piacere, predominio, è diventato un ricordo, un’immagine, ed è sempre que­sta immagine che reagisce. È possibile vivere senza costruire assolutamente nessuna immagine? Solo allora c’è rapporto. Siete in grado di farlo, di non creare un’immagine qualunque cosa accada? Non di­te di sì o di no, stiamo cercando di scoprirlo. Se dite: “No, non è possibile”, benissimo, continuerete a fare a modo vostro. Ma se vole­te scoprirlo, il che significa vivere in modo diverso, dovete porvi la domanda se sia possibile vivere senza neppure un’immagine. Volete scoprirlo? Io vi indico il punto, e poi procederemo assieme. Non so­no il vostro guru, grazie a Dio, e neppure il vostro maestro o colui che vi spiega le cose, niente di tutto questo. Dovete scoprire voi che cos’è l’attenzione e che cos’è la disatten­zione. Io sono in rapporto con voi, intimo, familiare, e ho un’imma­gine di voi. Perché è nata questa immagine? Può nascere l’immagine se c’è attenzione? Perciò devo scoprire che cos’è l’attenzione. Che cos’è l’attenzione? L’attenzione è concentrazione? Che cos’è la concentrazione? Se vi concentrate, escludete; quando vi concen­trate, applicate tutto il vostro essere a un unico punto. Perciò co­struite una resistenza attorno a voi, e in questa resistenza c’è il con­flitto: volete qualcosa e non volete qualcos’altro. Perciò devo scopri­re che cos’è l’attenzione. Se c’è attenzione, ci sarà immagine? Perché il rapporto è la cosa più importante della vita. Se ho un corretto rapporto con voi ho un rapporto corretto con tutte le cose, con la natura, con i miei simili, con tutto ciò che è la vita. Ma poiché non ho un corretto rapporto con voi, tutto va male. Quindi devo scoprire se dove c’è attenzione c’è ancora immagine. O l’immagine c’è solo quando c’è disattenzio­ne? Capite la mia domanda? Mi dite qualcosa di crudele, perché siete mia moglie, mio marito, o quello che volete. Se non faccio at­tenzione, la cosa viene registrata. Ma se faccio completa attenzione nel momento dell’insulto, lo registro? Scopritelo. Indagatelo, fatelo. Quando c’è attenzione non c’è un centro. Quando invece vi con­centrate, c’è un centro. Se siete totalmente attenti, non c’è ‘io’, im­magine, niente. Se, ad esempio, in questo momento state ascoltando con totale attenzione, se davvero è così, che cosa accade? Non c’è né adesione né rifiuto; c’è premura, amorevolezza, amore, e così sta­te ascoltando davvero con pienezza. Allo stesso modo, se nel rapporto c’è una parola, un gesto, uno sguardo che ferisce, e se in quel momento c’è totale attenzione, non c’è nessuna immagine, niente da registrare.

Saanen, 30 luglio 1978

Che cosa intendiamo con la parola ‘ordine’? Sentendo questa pa­rola, che sensazione provate, qual è la vostra reazione, la vostra ri­sposta istintiva? L’ordine, nel totalitarismo, è l’obbedienza ai pochi e l’uniformarsi a un modello stabilito da loro. La metto in termini semplicistici, ma sufficienti per capire che cosa intendono costoro con la parola ‘ordine’. Non c’è dissenso, tutti pensano allo stesso modo, tutti lavorano per lo stato. Chiunque devia è un dissidente, e viene annientato. Questo è un tipo di ordine, che ora esamineremo. C’è stato l’ordine del vittorianesimo, intendendo con ‘vittoriano’ la fine del diciannovesimo secolo, che significava mantenere un ordi­ne esterno rigoroso. Interiormente potete essere nel caos, ma este­riormente vi mostrate in perfetto ordine. In opposizione a ciò, in tempi più recenti abbiamo favorito il  permissivismo. Per l’uomo o la donna che vive in una società permissiva, l’ordine è un abominio. Per l’uomo o la donna che viveva nell’epoca vittoriana, l’ordine era controllo, non esprimere le emozioni, trattenersi, dominarsi. Adesso c’è l’ordine totalitario. Questi sono puri fatti, fatti quotidiani. Este­riormente diciamo che c’è bisogno di ordine, e interiormente siamo nel disordine. Siete d’accordo? Disordine significa contraddizione, confusione, dare importanza a una cosa contrapposta ad altre, il ses­so che diventa enormemente importante, forse l’unica cosa davvero importante, e il  resto che viene messo da parte o relegato in secondo piano. Interiormente c’è continua lotta, battaglia, e tutto questo è di­sordine. È  evidente, non c’è dubbio. Che cosa produce il disordine, tanto all’interno che all’esterno? Siamo consapevoli di vivere nel disordine? Esternamente c’è disordine quando c’è la guerra, questo assoluto terrorismo organizzato, be­nedetto dai preti e rispettabile. Questo terrorismo assoluto è ovvia­mente disordine, ma disordine rispettabile, riconosciuto da ogni es­sere umano come qualcosa di necessario. C’è disordine quando ci sono le nazionalità. Così c’è disordine all’esterno e disordine all’interno. Conosciamo il  nostro disordine interno? Sappiamo, dalla let­tura dei giornali e delle riviste, che c’è questo mostruoso disordine esterno, ma è molto più difficile fare conoscenza con il  nostro disor­dine interno. Perciò mi chiedo, e ve lo state chiedendo anche voi, qual è la radice di questo disordine, perché viviamo in questo modo? Perché viviamo così? Perché lo tolleriamo? Perché lo accettiamo? C’è disordine tra l’uomo e la donna. Per quanto intimo, piacevole, confortante e soddisfacente sia il  loro rapporto, c’è una continua lot­ta tra uomo e donna, che è disordine.

Domanda: Non è sempre così.

Krishnamurti: Possono esserci delle eccezioni, certo. Alcune per­sone al mondo, una o due, o mezza dozzina, possono avere un rap­porto reciproco meraviglioso, e un rapporto con il mondo assoluta­mente spaventoso. Sì, può accadere. Ma, prima di tutto, conosciamo tutto ciò? Ne siamo interiormen­te consapevoli, consci? Vediamo, osserviamo che viviamo nel disor­dine? Possono esservi delle eccezioni, la signora che è intervenuta poco fa e pochi altri. Se non siamo consapevoli di vivere nel disordi­ne, c’è qualcuno che ce lo dirà? Gli altri non se ne preoccupano; al contrario, vogliono vivere nel disordine. Fa comodo alla società, agli affari, che voi viviate nel disordine, perché nel momento in cui avete ordine in voi stessi diventate un pericolo. Vi prego quindi di scoprire da voi se la vostra vita sia interiormen­te in ordine o in disordine. Ordine può anche significare uniformarsi a un modello, conformarsi a una tradizione. In genere è questo che viene chiamato ordine. Uniformandovi a ciò che hanno detto gli uo­mini religiosi, monaci, guru, maestri, i cosiddetti libri sacri, seguen­doli e conformandovi ad essi, affermate di vivere in modo ordinato. Ma il conformismo porta ordine? O è la radice stessa del disordine? Ci si conforma quando, in questo paese, indossiamo un certo tipo di pantaloni e di camicia, e altri abiti in India. Ma noi stiamo parlando del conformismo interiore, psicologico. Ci stiamo conformando? Ca­piamo, sappiamo che ci stiamo conformando? Lo esamineremo ancora meglio. Iniziamo di qui: mi sto, vi state conformando a un modello stabilito dalla società o stabilito da voi stessi? Magari rifiuto totalmente l’autorità esterna, ma interiormente mantengo l’autorità delle mie esperienze, delle mie conoscenze, e mi conformo ad essa. Anche questo è conformismo. Siete consapevoli di questo fatto? Se non lo siete, chi potrà risvegliarvi? Chi vi farà pressione per farvi dire: “Sì, sono in disordine, l’ho capito”? Attra­verso la pressione non scoprirete niente. È la pressione dall’esterno che vi fa conformare o non conformare. Posso ripetere la domanda? Vi state chiedendo se vi state psicologicamente uniformando in qua­lunque modo? È uno dei punti più sottili e più importanti da inda­gare a fondo. Dovete uniformarvi alle leggi, dovete guidare a destra in Europa e a sinistra in Inghilterra. Se dite: no, non mi uniformo” e guidate a destra, avrete presto la polizia alle calcagna! Vi prego, chiedetevi se vi state conformando alla tradizione, alle vostre reazioni aggressive e violente. Vi conformate a tutto ciò? Ca­pite quanto sia enorme questo problema. State imitando, non este­riormente ma interiormente, state psicologicamente imitando? Dedi­cherete prima o poi del tempo, un pomeriggio, una sera, un momen­to della giornata a osservarvi? Fatelo adesso. Se posso rispettosa­mente suggerirlo, osservatevi adesso per scoprire da voi se vi state conformando, se state imitando, se vi state conformando a un mo­dello, mentre un altro si conforma a un altro modello, e così tra i due c’è conflitto e quindi disordine. Se capite, vedete, scoprite di essere nel disordine, rimanete con questo fatto, non tentate di cambiarlo, non dite: “Devo superarlo, reprimerlo, capirlo, razionalizzarlo”, ma tenetelo per così dire in braccio, senza nessun movimento. Tenete in braccio un bambino che dorme, un minimo movimento e si sveglierà e si metterà a piangere. Questo è il punto: si comprende e si fa ordine nella propria vita attraverso le regole, la disciplina, la repressione e il controllo, oppu­re osservando se stessi nel disordine senza fuggire, senza tradurlo nelle idiosincrasie personali,in dipendenza della propria indole, ma semplicemente guardando il disordine, vedendolo, osservandolo? Abbiamo detto in un’altra occasione che la parola ‘arte’ significa mettere le cose al loro giusto posto, senza dare a una cosa o a un’altra un’importanza che non ha. Se date troppa importanza alla tecno­logia, altri modi di vita ne ricevono troppo poca, e il risultato è una disarmonia. Se date al sesso la massima importanza, se lo ponete al di sopra di tutto il resto, se ne fate l’unica cosa che conta nella vita, come fa la maggioranza, anche se possono esserci delle eccezioni, esagerate di nuovo e create disarmonia. Se giudicate il  denaro la co­sa essenziale, create contraddizione; e se dite che la cosa essenziale è il potere, il dominio, create di nuovo contraddizione. Vivere armo­niosamente significa mettere ogni cosa al suo giusto posto. Siete di­sposti a farlo, a non assegnare al corpo l’enorme importanza che l’Occidente gli assegna, i modi di apparire, il modo di vestire? ( E che non significa che non dobbiate vestirvi dignitosamente, decorosa­mente). Lo farete? Non c’è nessun motivo per non farlo. Se voglia­mo vivere in ordine, e quindi in armonia, con un senso di grande bellezza, forse anche di pace, dobbiamo avere ordine.

L’ordine non è andare a vedere le vetrine, andare di negozio in ne­gozio senza comprare mai niente. Pensiamo che indichi una mente molto aperta passare da un libro all’altro, da un insegnante all’altro, da un guru a un altro, da un prete a un altro, da un filosofo a un al­tro. Mai, mai rimanere in un luogo per scoprire qualcosa. Perché fac­ciamo così? Ve lo siete mai domandato? Alcuni vanno in India, sono stanchi dei loro preti qui, e forse troveranno qualcuno laggiù. Tutta un’insensatezza romantica. E questo si chiama accumulare conoscen­ze o avere una mente aperta. Non è affatto una mente aperta, è un setaccio con buchi enormi; anzi, fatto solo di buchi! E facciamo con­tinuamente così, in molti modi diversi. Perciò chiediamoci: siamo ab­bastanza seri, impegnati, dediti a vivere una vita in assoluto ordine?

D.: Sembra più facile vivere nel disordine.

K: È più facile vivere nel disordine, è così?

D.: Chi preferisce vivere nel disordine non ha capito che cos’è il disordine.

K.: La prego, scopriamo se noi vogliamo vivere nel disordine. Ap­parentemente, la maggior parte delle persone lo fa: a cominciare dal disordine nella loro stanza, e così via. Se ci piace, non c’è nient’altro da dire. Ma se pensate che vivere nel disordine porti nella propria vi­ta devastazione, sofferenza, confusione e violenza, allora è ovvio che dovete conoscere, acquisire familiarità con il vostro disordine. Se scoprite che la vostra vita è in disordine, per capire che cosa fa‑ re o che cosa non fare bisogna porsi questa domanda: qual è la vera radice del disordine che causa tutta questa confusione, conflitto, sof­ferenza? Il totale disordine del nostro modo di vivere: qual è la sua radice? Non dite: “Sono io”, o ” è  l’io”; queste sono solo parole, o pensieri. Scopritelo voi stessi.

D.: Accettiamo il terrore della maggioranza…

K.: Getti via tutto questo, getti via Krishnamurti e tutte queste as­surdità, e scopra da sé. Di me non m’importa nulla, sono troppo vec­chio per queste cose infantili.

D.: La mancanza di attenzione verso gli altri è la causa del disor­dine.

K.: Stiamo parlando del disordine. Qual è la sua ragione, la sua causa, la sua essenza? Un attimo di pazienza, non citate nessuno, compreso me. Se fate così, state dando semplicemente una risposta, ripetendo qualcosa che hanno detto altri. Gettate via tutto quello che hanno detto gli altri, compreso chi vi  parla. Non appartenete a Krishnamurti. Vi sarebbe fatale. Non costituite dei gruppi di Krishnamurti, per amor di Dio. Qual è la radice del disordine? Tutto ciò che è limitato, che agisce in uno spazio ristretto crea per forza disordine. Se amo voi e odio gli altri esseri umani, se sono attaccato a voi e non mi curo affatto del mondo finché voi e io siamo perfettamente felici nella nostra casetta, creo disordine. Stiamo scoprendo qualcosa: tutto ciò che agisce, vive in uno spazio ristretto, in un piccolo guscio, o anche un guscio enor­me, è limitato. Tutto ciò che si muove, agisce e funziona in uno spa­zio ristretto crea per forza disordine. Se appartengo a quel guru e a nessun altro guru, agisco in modo limitato. E’ ovvio. Ma se non ho nessun guru, se non seguo assolutamente nessuno, la mia azione sarà di grande ampiezza. Perciò vi chiedo: il disordine è prodotto da un modo limitato di vivere? Mio marito, e nessun altro. Dico che devo essere gentile, ge­neroso, compassionevole, che devo amare gli altri, ma sono soltanto parole perché il mio unico centro è una persona o una cosa. Ciò può creare disordine. Così, ho scoperto che qualsiasi azione limitata crea per forza disordine. Se agisco da nazionalista, è disordine; se mi comporto da cattolico, protestante, induista, buddhista, e tutto quanto, è disordine. Avete osservato voi stessi, siete diventati così familiari con voi stessi da dire: “Ecco come stanno le cose. Me ne libero, finito”? Se vi in­teressa scoprire che cos’è l’ordine, abbandonate immediatamente tutto ciò che crea disordine. Uno scienziato impegnato nella ricerca, che è la cosa che più lo interessa, dedica alla ricerca tutta la sua vita; il resto è secondario. Siete in grado di capire da voi se state agendo, vivendo in un piccolo spazio?

D.: Lei pensa che sia così facile cambiare se stessi, avere un’intui­zione sul proprio disordine?

K.: È facile cambiare se stessi? Questo è il  punto fondamentale. Io dico di sì. Non credetemi, perché non si cambia così facilmente. Se lei vede un pericolo reale, se vede il pericolo di un precipizio, agisce immediatamente. Ma non vede il pericolo di un agire limitato, di un modo di vita limitato. Che significa: io sono attaccato a te, tu sei mio, per amor di Dio viviamo assieme pacificamente, non litighiamo, e di­mentichiamo il mondo, il mondo è brutto. Devo andare nel mondo per guadagnare il  pane e tutto quanto, ma noi due siamo assieme, davvero troppo infantile.

Quando capite il danno del disordine nella vita, che si  può espri­mere in modi diversi, il conformismo, vivere in un piccolo solco ri­stretto, o anche grande ma sempre un solco, se vedete tutto ciò non verbalmente, intellettualmente, ma ne vedete realmente il pericolo, è finito. Ecco l’ordine.

D.: Penso che non sia così facile cambiare se stessi. Adesso posso avere un’intuizione, vederne i pericoli, poi ritorno in città, ritorno dai miei amici, e dimentico tutto.

K.: La città, gli affari, la moglie, il marito, sono le cose più perico­lose, perché comportano attaccamento. Un attimo di pazienza… Non significa non sposarsi o non avere un ragazza, e così via, ma vi prego di vedere il  pericolo di vivere in un cerchio piccolo e ristretto. A Saanen, questa piccola cittadina, parlano tedesco; tre chilometri più in là parlano francese. Le persone non si incontrano mai, si chiu­dono in cerchie molto piccole. Noi facciamo lo stesso. Vedete il  pericolo di questo modo di vivere? Se non lo vedete, come farvelo vede­re, come aiutarvi a vederlo? Supponiamo che io non veda il pericolo dell’uniformarmi a una tradizione, a un modello, esterno o interno; non mi accorgo che causa disordine. Me l’avete spiegato in dieci modi diversi, ma mi rifiuto di vederlo. Capite? Mi disturba troppo: so­no abituato a vivere in modo disordinato, e il fatto che mi chiediate di vederlo mi spaventa. Ne sono terrorizzato. Vi siete abituati al disordine, vi siete abituati alle guerre, vi siete abituati a litigare con vostra moglie o vostro marito. Vi siete abituati a vivere in questo caos. È molto interessante: la parola cosmo signifi­ca ordine, e l’universo è ordine, ordine perfetto. Noi viviamo nel disordine e cerchiamo di capire il  cosmo, l’universo. Come posso com­prendere qualcosa che è ordine perfetto, senza un’incrinatura, se io vivo nel disordine?

Argomenti correlati in questo blog

Joy Division  “Disorder” – disordine –

J. Krishnamurti sul conflitto 6 febbraio 2011

J. Krishnamurti sul conflitto ( 2 ).

Vai alla pagina: Riflessioni

Vai alla pagina: Misticismo

Cimitero del conosciuto, blog di Gabriele M. Scuderi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Joy Division, Krishnamurti, Misticismo, Riflessioni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a J. Krishnamurti sul conflitto ( 3 )

  1. Pingback: J. Krishnamurti sul conflitto | Cimitero del conosciuto.

  2. Pingback: J. Krishnamurti sul conflitto ( 2 ). | Cimitero del conosciuto.

  3. Pingback: Riflessioni | Cimitero del conosciuto.

  4. Pingback: Misticismo Pagina iniziale | Cimitero del conosciuto.

  5. Pharme859 ha detto:

    Hello! ebckddb interesting ebckddb site!

  6. Pingback: J. Krishnamurti Saanen, “Svizzera” 1978 | Cimitero del conosciuto.

  7. Pingback: J. Krishnamurti sul conflitto ( 4 ) | Cimitero del conosciuto.

  8. Pingback: Alive! Salomè danza per me! Il lavorio dell’autodistruzione umana. | Cimitero del conosciuto.

  9. Pingback: IL REGNO DELLA FELICITA | Cimitero del conosciuto.

  10. Pingback: Dharma, Karma, Varna. | Cimitero del conosciuto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...